ptzh-CNenfritjakoruesvi

Mercoledì: 1,1 mila sono risultati positivi

L'unica provincia che non ha avuto casi è stata Ishikawa. Tokyo e Osaka sono ancora quelle a 3 cifre.

Fino alle 19:6 di mercoledì (1,1), il Giappone aveva XNUMX risultati positivi al nuovo coronavirus.

Ce n'erano 8 a Gunma, 18 a Tochigi, 25 a Ibaraki, 52 a Chiba, 75 a Saitama, 86 a Kanagawa e 149 a Tokyo.

Osaka aveva 60 casi in più rispetto alla capitale giapponese, per un totale di 209 quel giorno. C'erano 5 a Shiga, 30 a Kyoto, 76 a Hyogo, 27 a Hiroshima e Fukuoka, 7 a Shimane, 18 a Okayama e 30 a Okinawa.

Nella regione di Tokai erano 11 a Shizuoka, 15 a Mie, 27 a Gifu e 80 ad Aichi, con quasi il 50% a Nagoya, con 39; ce n'erano 5 a Toyota e Toyohashi, tra le altre città.

La giornata ha avuto 26 decessi di pazienti con Covid-19, 10 da Tokyo, 4 da Osaka, 2 da Saitama, Aichi e Aomori, tra le altre province.

Sono 612 i malati gravi sui 17.836 in cura.

Al contrario, 1.671.171 guariti dal covid.

Lunedì (4) sono stati eseguiti 40.280 test PCR.

Fonti: News Digest, NHK e Nagoya TV

Due dosi di vaccino contro il Covid-19 forniscono un'efficacia dell'87%

Lo studio è stato condotto da un team di ricercatori dell'Università di Nagasaki.

L'assunzione di due dosi di vaccino, sia da Pfizer che da Moderna, è efficace all'86,8% contro lo sviluppo di Covid-19, ha annunciato martedì (5) un team che comprende ricercatori dell'Università di Nagasaki.

I dati sull'efficacia del vaccino del team sono di circa 10 punti percentuali al di sotto dei numeri presentati dal National Institute of Infectious Diseases (NIID).

I ricercatori, tuttavia, hanno condotto lo studio circa un mese dopo, nel momento in cui credevano che la variante alfa del virus fosse stata sostituita dal delta altamente trasmissibile.

Il team ha condotto lo studio a luglio e agosto presso 10 istituzioni mediche in 9 province e ha esaminato 890 individui di età compresa tra 16 e 64 anni sospettati di essere stati infettati dal coronavirus.

Delle 528 persone che non erano state vaccinate, 213 sono risultate positive. Dei 108 che avevano ricevuto la prima dose, 31 sono risultati positivi, mentre solo 9 dei 159 individui che erano stati inoculati due volte erano stati infettati da Covid-19.

I risultati di uno studio condotto dal NIID da giugno a luglio hanno mostrato che ricevere due dosi di vaccino era efficace al 95%.

Tuttavia, Haruka Maeda, un ricercatore specializzato in infezioni respiratorie presso l'Università di Nagasaki, ha affermato che l'efficacia del vaccino potrebbe essersi indebolita perché la variante delta è aumentata a giugno.

Maeda ha anche sottolineato che "nonostante ciò, è stato confermato che l'efficacia dei vaccini è ancora elevata anche in Giappone".

Fonte: Mainichi

 

Giovedì meno di mille nuovi casi

Delle 47 province, tre non hanno avuto casi. Sono Iwate, Yamagata e Shimane.

Fino alle 19:30 di giovedì (7), il Paese aveva 969 risultati positivi al nuovo coronavirus e altri 3 negli aeroporti.

Ce ne sono stati 9 a Gunma, 16 a Ibaraki, 17 a Tochigi, 43 a Chiba, 68 a Saitama, 102 a Kanagawa e 142 a Tokyo, che è stato il giovedì con il numero più basso di quest'anno.

Osaka continua a superare in numero la capitale giapponese, con un totale di 165 nuovi casi. Ce n'erano 87 a Hyogo, 27 a Kyoto, 6 a Nagano, 5 a Shiga e Fukui, 16 a Hiroshima e Okinawa, 15 a Fukuoka e 11 a Oita.

Nella regione di Tokai, ce n'erano 9 a Shizuoka, 15 a Mie, 25 a Gifu e 61 ad Aichi, 14 a Nagoya, 4 a Toyota e Toyohashi, 5 a Ichinomiya, tra le altre città.

La giornata ha avuto 39 morti, 19 da Tokyo, 5 da Osaka e Okinawa, 4 da Kanagawa, 1 da Kyoto e Aichi, tra le altre province. La somma cumulativa dei decessi per Covid-19 è salita a 17.860.

I pazienti in cura sono 16.524 e 595 sono in gravi condizioni.

Al contrario, 1.673.416 persone sono guarite.

Martedì (5) sono stati eseguiti 42.495 test PCR.

Fonti: News Digest, Nagoya TV e NHK

Due arbitri olimpici risultati positivi lasciano l'hotel senza permesso

Hanno lasciato l'hotel dove erano stati indirizzati per le cure, dopo essere risultati positivi al nuovo coronavirus.

Fonti ufficiali del torneo di Tokyo 2020 hanno rivelato che i due arbitri partecipanti alle Olimpiadi, risultati positivi al nuovo coronavirus, sono stati indirizzati in un hotel di Tokyo per le cure.

Tuttavia, giovedì (29) sono fuggiti dalla struttura ricettiva senza permesso.

Secondo le fonti, i due uomini fungono da arbitri della gara di canottaggio alle Olimpiadi e l'esito del test PCR, il 26, è stato positivo. Uno è giapponese.  

Hanno sostenuto "volevamo fare di nuovo il test, per ottenere il risultato negativo e andare alla competizione". Quindi i due sarebbero andati in ospedale.

Sembra che questa sia la prima volta che persone coinvolte nei Giochi Olimpici, con esito positivo, escono senza autorizzazione. Il comitato organizzatore ha ascoltato i 2 arbitri per valutare se avessero violato il manuale.

Fonte: ANN

La produzione nelle fabbriche in Giappone sale ai livelli pre-pandemia

Un fattore chiave è stato la crescita vigorosa nei settori dell'auto e delle apparecchiature per la produzione di chip.

La produzione industriale giapponese è aumentata a giugno, superando i livelli visti prima della pandemia di coronavirus. Un fattore chiave è stato la crescita vigorosa nei settori dell'auto e delle apparecchiature per la produzione di chip.

I funzionari del ministero dell'Industria hanno dichiarato venerdì (30) che la produzione nelle fabbriche è aumentata del 6,2% rispetto a maggio. Questo è il primo aumento in 2 mesi.

La produzione di autovetture e motori è aumentata del 22,6% a causa della crescente domanda in Giappone e all'estero.

La produzione di attrezzature per la produzione di trucioli e altri macchinari è aumentata dell'8,9%.

Guardando al futuro, i funzionari del ministero prevedono che la produzione diminuirà dell'1,1% a luglio, ma aumenterà dell'1,7% ad agosto.

Hanno mantenuto la valutazione complessiva, affermando che la produzione si sta riprendendo e terrà d'occhio l'impatto della carenza di chip e la diffusione della variante Delta sull'economia.

Fonte: NHK

Il senatore segnala la falsificazione di un documento utilizzato dal governo per confutare le accuse di irregolarità nell'acquisto di Covaxin

La senatrice Simone Tebet (MDB-MS) ha dichiarato martedì 6 di ritenere che il documento utilizzato dal governo di Jair Bolsonaro per confutare le accuse di irregolarità nell'acquisto del vaccino indiano Covaxin sia stato falsificato. Alla Commissione parlamentare d'inchiesta (Cpi) sul Covid, Tebet ha individuato 24 errori nella cosiddetta “fattura” (una fattura con i dettagli di pagamento) presentata dal ministro Onyx Lorenzoni il 23 giugno, quando ha minacciato di citare in giudizio i denuncianti.

documento PDF.

Con un'immagine del documento, Tebet ha evidenziato errori di ortografia, errori di inglese e mancanza di informazioni nella fattura che sarebbe stata inviata da Need Medicines al Ministero della Salute, per l'acquisto di Covaxin, nel marzo di quest'anno. “Ha la prova evidente della falsità di un documento privato. Si tratta di una falsità ideologica formulata da qualcuno”, ha detto il senatore.

Tra gli errori segnalati da Tebet ci sono la mancata corrispondenza del marchio e del logo dell'azienda –“non sono allineati in alcuni punti, come se si trattasse di un assemblaggio”–; Errori inglesi come "principe" invece di "prezzo"; “aeroporto” e non “aeroporto” (aeroporto); miscuglio di portoghese e inglese, quello che il senatore chiamava “Portinglês”; differenza nel numero di dosi di vaccino da un campo all'altro; mancanza di coordinate bancarie e firme/autorizzazioni.

Il documento è stato rilasciato per la prima volta dal Ministero della Salute, Luis Ricardo Miranda, e da suo fratello, il vice Luis Miranda (DEM-DF), come prova che c'era un'irregolarità nell'acquisto di Covaxin. Nella versione presentata dai due, la "fattura" prevedeva un anticipo di 45 milioni di R$ per 3 milioni di dosi di Covaxin, cosa non prevista nel contratto siglato tra il Ministero della Salute e Need Medicines, intermediario del business . Secondo l'accordo, il pagamento verrà effettuato solo dopo che il Brasile avrà ricevuto il vaccino, cosa che non è ancora avvenuta.

Un altro punto sollevato dai fratelli è che la società che riceve il pagamento è Madison Biotech, una società offshore con sede a Singapore che non è inclusa nel contratto. Secondo Necessidade, l'azienda è collegata al laboratorio indiano Bharat Biothec, produttore di Covaxin.

{Source}Documento falso. Bastava uno sguardo più attento per notare gravi errori che configurano frodi nel contratto Covaxin. Nessuno ha visto? pic.twitter.com/Id8lcHc3of — Simone Tebet (@SimoneTebetms) 8 luglio 3{/ Source}

Il 23 giugno, Onyx e il consigliere della Camera Civile ed ex segretario esecutivo della Sanità, il colonnello Élcio Franco, hanno rilasciato una dichiarazione al Palácio do Planalto in cui accusavano il server del Ministero della Salute e il suo vice fratello di falsificare il documento per suggerire irregolarità. Secondo Franco e Lorenzoni, il governo aveva ricevuto due versioni della fattura, ma nessuna corrispondeva a quella presentata dai fratelli Miranda. Il documento presentato dai fratelli, invece, è nel sistema del Ministero della Salute.

“Come mai nessuno vede un documento fasullo come questo, un documento presentato da Onyx ed Elcio, fotografato da noi e dalla stampa?”, ha detto il senatore.

Il 20 febbraio di quest'anno il Ministero della Salute ha concluso un contratto di acquisto per 25 milioni di dosi dell'agente immunizzante per un importo totale di 1,6 miliardi di R$. Ogni dose costerà US$ 15, il valore più alto tra le vaccinazioni acquistate da Pasta.

Durante la seduta del Cpi, il senatore si è chiesto se Madison avesse prodotto un documento “con tanti errori in inglese”. “Ci sono così tanti errori segnalati – 'di' che non è comune, di solito ha un apostrofo; il nome dell'aeroporto corretto in modo errato; Brasile con “z”; e aeroporto in portoghese”, ha sottolineato.

Secondo lei, l'errore più grave era legato al numero di dosi. La quantità espressa in fattura era diversa nei due campi del documento. “Le dosi che mettono lì sono 300 scatole con 16 fiale ciascuna, ogni fiala è sufficiente per una dose. Se dovessi moltiplicare per questo, ciò che il Brasile dovrebbe ricevere sono 4,8 milioni di dosi e non 3 milioni, come qui", ha detto. "È un documento che dice che il Brasile riceverà ora 4,8 milioni di dosi del vaccino, che ora riceverà 3 milioni di dosi".

Voluto dal rapporto per spiegare gli errori segnalati dal senatore, Onyx e il ministero della Salute non hanno risposto alle domande.

Vedi gli errori segnalati da Simone Tebet.

whatsappimage20210706at1738122 060720214723 976aa

cattura 060720214713 84e0c

Fonte del giornale di stato

CPI voterà violazione della riservatezza dei deputati Ricardo Barros e Luis Miranda

BRASILIA - Il CPI di Covid al Senato voterà questo martedì sulla violazione della riservatezza del leader del governo Ricardo Barros (PP-PR). Il deputato federale è stato citato dal presidente Jair Bolsonaro come responsabile di un presunto schema di corruzione nell'acquisizione del vaccino indiano Covaxin, secondo il vice Luis Miranda (DEM-DF). Martedì, i senatori decideranno anche se Miranda avrà la sua segretezza infranta.

Miranda ha dichiarato in testimonianza al CPI che, quando ha denunciato un possibile schema nel Ministero della Salute al presidente Jair Bolsonaro nel marzo di quest'anno, ha sentito dal presidente che c'era Ricardo Barros dietro le possibili attività illegali.

L'agenda della commissione per martedì prossimo prevede anche la testimonianza della funzionaria Regina Célia Silva Olivesira, nominata da Barros per il suo incarico in Sanità. La richiesta di violazione della riservatezza avanzata da Barros è stata avanzata dal senatore Alessandro Vieira (Cittadinanza-IF).

I senatori vogliono avanzare le accuse di corruzione relative all'acquisto di vaccini da parte del governo federale che sono state rese pubbliche nelle ultime settimane.

Inizialmente, il deputato federale Luis Miranda e suo fratello, il Ministero della Salute, Luis Roberto Miranda, hanno dichiarato in una testimonianza di aver denunciato un presunto schema di corruzione nell'acquisto del vaccino indiano Covaxin.

Più tardi, un venditore che si era presentato come rappresentante della società Davati Medical Supply, degli Stati Uniti, Luiz Paulo Dominguetti Pereira, ha dichiarato di aver ricevuto una tangente dall'allora direttore del dipartimento Logistica del Ministero della Salute, Roberto Dias.

Oltre al segreto del deputato Ricardo Barros, i senatori della commissione voteranno per rompere il segreto di Luis Miranda e Dominguetti. Potrebbe essere chiamato a testimoniare anche un altro rappresentante Davati, Cristiano Alberto Hossri Carvalho.

Fonte: oglobo.globo.com

Suga ispeziona i controlli di quarantena ad Haneda

Il primo ministro giapponese Yoshihide Suga ha ispezionato la quarantena e altre misure anti-virus all'aeroporto di Haneda a Tokyo. Ha incaricato i funzionari di effettuare rigorosi controlli alle frontiere in preparazione per le Olimpiadi e le Paralimpiadi.

Durante la sua visita questo lunedì mattina (28), Suga ha prima ispezionato il luogo in cui i dipendenti di All Nippon Airways vengono vaccinati contro il Covid-19. Ha anche testato i sistemi di check-in touchless che Japan Airlines utilizza per prevenire le infezioni.

Il primo ministro ha quindi osservato la procedura per il test dell'antigene in una stazione di quarantena ed è stato informato sulle misure preventive di frontiera.

Suga ha affermato che il numero di nuove infezioni è in calo a livello nazionale, ad eccezione di Tokyo e delle aree circostanti che sono in costante aumento.

Ha detto che è necessario un forte senso di urgenza per attuare misure preventive. Ha promesso una risposta rapida e flessibile, se necessario, quando si esamina da vicino la situazione.

Fonte: NHK

Il governo licenzierà il direttore della logistica di Health, accusato di aver addebitato tangenti sul vaccino

Il governo Jair Bolsonaro licenzierà il direttore del dipartimento Logistica del ministero della Salute, Roberto Dias. Secondo un articolo del quotidiano Folha de S. Paulo, il rappresentante del vaccino ha affermato che Dias avrebbe addebitato una tangente per chiudere un contratto per l'acquisto delle dosi.

Il ministero della Salute ha inviato a Palazzo Planalto, nella notte di martedì 29, le dimissioni di Dias. Patrocinato da Ricardo Barros (PP-PR), capo del governo alla Camera, il direttore è in carica da gennaio 2019, sempre sotto Luiz Henrique Mandetta.

Secondo un comunicato del ministero della Salute, il licenziamento di Dias sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione mercoledì 30. Il motivo del licenziamento non è stato informato.

Secondo il quotidiano Luiz Paulo Dominguetti Pereira, rappresentante della società Davati Medical Supply, Dias avrebbe addebitato una tangente di 1 dollaro USA per dose venduta, durante una cena in un ristorante di Brasilia. Il direttore non avrebbe risposto ai contatti del giornale. Il presidente del CPI di Covid, Omar Aziz (PSD-AM), ha affermato che il caso sarà indagato dalla commissione.

Il dipartimento della logistica è responsabile, presso il ministero, della firma dei contratti. Il settore è stato “assegnato” al PP, il partito di base di Bolsonaro.

La scorsa settimana Dias è stato citato dal server Luis Ricardo Miranda, in testimonianza al CPI di Covid, per aver fatto "pressioni atipiche" per il rilascio di Covaxin. Lo stesso giorno, suo fratello, il deputato Luis Claudio Miranda (DEM-DF), ha detto che i due hanno portato la denuncia a Bolsonaro, che avrebbe detto che era "il ruolo di Ricardo Barros".

Fonte: Jornal Estadão SP.

La società che ha negoziato Covaxin ha ricevuto R$ 66 dalla clinica ed è l'obiettivo dell'azione

BRASILIA – Need Medicines, società che negozia il vaccino indiano Covaxin, ha ricevuto 66 R$ da MDC Vacinas, una clinica privata di Porto Alegre (RS), come anticipo per l'invio delle dosi dell'agente immunizzante.

Il valore totale dei prodotti appaltati era di 660 mila R$. La consegna, però, non è mai avvenuta perché la legge non consente la vendita dei vaccini da parte del mercato privato e il vaccino indiano non ha ancora l'approvazione dell'Agenzia nazionale di vigilanza sanitaria (Anvisa).

Il 18 giugno, la Corte di giustizia di São Paulo ha deciso di accogliere la richiesta della clinica di Rio Grande do Sul e ha disposto il blocco dei conti di Preta. Il rappresentante brasiliano del laboratorio indiano Bharat Biontech ha persino chiesto che il processo in tribunale fosse mantenuto riservato, cosa che è stata negata dal TJ-SP.

Come mostrato da Estadão, a gennaio, Necessidade ha firmato un contratto con l'Associazione brasiliana delle cliniche private (ABCVAC) in modo che il settore privato potesse immunizzarsi contro il coronavirus con il prodotto dall'India.

Il contratto prevedeva 5 milioni di dosi e prevedeva cinque fasce di prezzo, variabili a seconda della quantità acquistata. Se tutte le dosi fossero state vendute al prezzo minimo, Need avrebbe ricevuto 163,55 milioni di dollari statunitensi (o 804,666 milioni di rand all'attuale cambio di 4,92 dollari statunitensi). Per acquisti superiori a 100 dosi, il prezzo unitario è il più basso possibile e ciascuno costerebbe US$ 32,71 (R$ 160,93). La più piccola quantità possibile da acquisire (da 2 a 7,2 dosi), ogni agente immunizzante costerebbe US $ 40,78 (R $ 200,63). Il contratto non stabilisce il prezzo al quale le cliniche venderebbero ciascuna dose ai propri clienti.

L'accordo prevede inoltre che le cliniche che hanno concluso un accordo con Need possano richiedere il rimborso se Covaxin non ottiene l'autorizzazione dall'Agenzia nazionale di vigilanza sanitaria (Anvisa) entro il 15 aprile. È il caso del cliente di Porto Alegre.

Finora però l'agenzia ha concesso solo un'autorizzazione eccezionale all'importazione di parte delle dosi acquistate dal ministero della Salute, la società intermediaria, il governo federale, ha deciso di sospendere il contratto in cui avrebbe ricevuto 29 milioni di dosi di Covaxin. La decisione è stata presa sulla base di sospetti di corruzione nel processo.

In testimonianza alla Commissione d'inchiesta parlamentare di Covid (CPI) venerdì 25, Luis Ricardo Fernandes Miranda, capo del settore delle importazioni presso il Ministero della Salute, ha affermato di essere stato pressato dai superiori per accelerare l'acquisto dell'agente immunizzante indiano. Il server ha segnalato un tentativo di pagamento anticipato e, insieme a suo fratello, il vice Luis Miranda (DEM-DF), ha incontrato Bolsonaro a marzo per segnalare segni di corruzione nell'accordo.

All'epoca, secondo il deputato, il presidente avrebbe attribuito i sospetti a "un altro ruolo" del deputato Ricardo Barros (Progressistas-PR), ex ministro del ministero e attuale capo del governo alla Camera.

Sempre secondo Miranda, Bolsonaro ha detto che chiamerà la polizia federale per indagare sul caso, ma al momento non è stata aperta alcuna indagine.

Fonte: O Estado de S.Paulo.

Nota di chiarimento pubblica

Sito web gratuito, nessun addebito per i nostri lettori o visitatori, l'unico scopo e la diffusione di informazioni e notizie reali, tutti i crediti sono alle rispettive fonti e autori.

In ottemperanza alle Leggi:

Ai sensi dell'articolo 46, I della Legge 9610/98 Brasile - Articolo 46, I della Legge 9610/98 e della Legge 5.250 febbraio 9 n. 1967 - Legge 2083/53 | Legge n. 2.083 del 12 novembre 1953.

Per ulteriori informazioni e supporto legale, consultare il nostro avvocato collaboratore: Raphael Guilherme da Silva - OAB/SP Under No. 316.914.

Se non sei d'accordo con un articolo, lo rimuoveremo immediatamente e ci scusiamo pubblicamente ritirandolo come richiesto dalla legge.

Grazie in anticipo.

Questo portale di notizie è un'iniziativa di un gruppo di contributori volontari sulla registrazione in Giappone -目標新聞 (コネクション・ジャパン). - connectionjapan.com .

Ed è mantenuto dai suoi volontari e collaboratori per consentire alla colonia di brasiliani di accedere gratuitamente a queste informazioni e a tutti gli altri visitatori che desiderano accedere al nostro sito web.

Alcune osservazioni in Legge n. 9.610/98.

Utilizzo dell'opera di un autore per studio o critica;

Utilizzo dell'opera di un autore per esporre un prodotto (ad esempio: un negozio di cornici che espone una cornice contenente una foto);

Utilizzo di un'opera protetta da copyright per scopi privati ​​(se la condividi con qualcuno, non è più utilizzata privato!);

E altri previsti dalla Legge n. 9.610/98.

« ottobre 2021 »
Lun. Mar. Mer. Gio. Ven. Sab. Dom.
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

FreeCurrencyRates.com

 

contatore visite

0.png4.png0.png0.png5.png4.png4.png
Oggi:580
Ieri:1153
Ultimi 7 giorni:580
mese:16898
Totale:400544

Connessi simultaneamente

20
Online

18-10-21

Visitatori in linea

Partners

Inizio pagina