ePARA: il torneo eSports in Giappone mira all'inclusione e all'accessibilità per le persone disabili

Mentre gli e-sport continuano a crescere in popolarità, le competizioni di videogiochi vengono utilizzate in Giappone per aiutare a riabilitare le persone con disabilità e promuovere il loro coinvolgimento nella società.

Gli esperti hanno evidenziato la capacità dei giochi online di fornire stimoli fisici e mentali, anche per le persone con disabilità gravi.

Dopo il lancio di un torneo dedicato l'anno scorso, un concorrente ha già fatto il suo nome come giocatore di para-sport.

Alla fine di maggio, Yuji Yoshino, che gareggia sotto il nome di yujikun, ha guidato un campo di 36 giocatori in un gioco d'azione nella seconda edizione del torneo di e-sport “ePARA”, che si rivolge principalmente alle persone con disabilità.

Yuji Yoshino, a destra, che compete con il nome yujikun, partecipa alla competizione ePARA senza ePARA a novembre 2019. (Foto per gentile concessione di BASE / Kyodo)

Il 25enne è nato con la sindrome dell'utero, un raro difetto genetico e ha difficoltà con le funzioni urinarie. È diventato un pioniere nel para-sport da quando è stato assunto ad agosto dalla società IT Inc. di Tokyo, con sede a Tokyo, nell'ambito di un programma di reclutamento per promuovere lo sport.

Sebbene fosse riluttante a partecipare alle competizioni a causa delle sue condizioni, che causano un notevole gonfiore allo stomaco, ha detto che voleva fare la differenza.

"Voglio trarre vantaggio dal mio successo per acquisire comprensione per (le persone con disabilità) e creare un ambiente affinché tutti possano raggiungere il successo", ha affermato.

Oltre alle competizioni di videogiochi, il torneo ePARA comprendeva una sessione di discussione per i giocatori con disabilità per scambiare opinioni sull'occupazione con i dipendenti dell'azienda incaricati del reclutamento.

Gli organizzatori hanno affermato di aspettarsi che i dipendenti dell'azienda vedano le persone con disabilità partecipare attivamente e notare i loro punti di forza, portando a opportunità di lavoro.

Pazienti al Yakumo National Hospital di Yakumo, Hokkaido, al torneo para-sportivo. (Foto per gentile concessione dell'ospedale nazionale Yakumo / Kyodo)

Dal torneo inaugurale di novembre, quattro partecipanti hanno trovato lavoro in call center e altri luoghi di lavoro.

Daiki Kato, a capo del comitato organizzatore, ha affermato che gli attributi necessari per gli sport elettronici si tradurrebbero in un ambiente d'ufficio.

"Le capacità e la capacità di comunicare con gli altri, che sono caratteristiche necessarie negli e-sport, sono anche caratteristiche che le aziende cercano negli impiegati", ha affermato Kato, 38 anni.

"Voglio offrire un'opportunità alle persone con disabilità di lavorare come loro".

Un ospedale sull'isola principale di Hokkaido, nel nord del Giappone, ha visto un impatto positivo sui pazienti dall'incorporazione degli eSport nel loro programma di riabilitazione.

L'ospedale nazionale Yakumo, specializzato in malattie neuromuscolari, inclusa la distrofia muscolare, ha lanciato un team di eSport due anni fa.

Finché possono muovere le mani, i pazienti con disabilità gravi possono praticare gli sport. L'ospedale prevede inoltre di sviluppare un sistema che consenta ai pazienti che non possono usare le mani di giocare con il movimento degli occhi.

“Le persone che non possono fare cose nelle immediate vicinanze possono muoversi liberamente all'interno del gioco. Possono fare le cose su cui credevano di aver rinunciato e iniziare ad avere una visione positiva ", ha affermato Eiichi Tanaka, 48 anni, terapista occupazionale dell'ospedale. .

I giocatori su sedia a rotelle partecipano al concorso ePARA eports a novembre 2019. (Foto per gentile concessione di ePARA / Kyodo)

Nobuhito Maruyama, professore associato presso la Showa Women's University di Tokyo, ha studiato come i progressi tecnologici nello sport virtuale hanno promosso l'impegno sociale delle persone con disabilità.

"Ciò crea opportunità per le persone di avere più contatti con la società e svolge anche un ruolo nella riabilitazione fisica e mentale", ha affermato.

"Stiamo iniziando a vedere giocatori con disabilità nel mondo che stanno andando bene nelle competizioni per giocatori sani", ha detto.

"Probabilmente ci saranno più modi per far prosperare le persone con disabilità di quanto avessimo considerato in precedenza."

Fonte: Mainichi // Crediti immagine in primo piano: ePARA / Kyodo

0 0 voto
Articolo di valutazione
Sottoscrivi
Notifica
ospite

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti