Johnson & Johnson interrompe la vendita di talco negli Stati Uniti per aver causato il cancro nei bambini

Johnson & Johnson ha smesso di vendere i suoi prodotti per l'infanzia a base di talco negli Stati Uniti e in Canada dopo che migliaia di cause legali relative alla contaminazione da amianto hanno portato a un calo delle vendite.

Martedì il colosso della salute ha dichiarato di aver smesso di spedire centinaia di articoli a base di talco negli Stati Uniti e in Canada dopo aver preso una "decisione commerciale" per fermarli. J&J ridurrà le vendite in questi mercati nei prossimi mesi, ha affermato Kathleen Widmer, presidente dell'unità di consumo nordamericana dell'azienda. Tutto l'inventario esistente continuerà a essere venduto attraverso i rivenditori fino all'esaurimento delle scorte, ha affermato. J&J iniziò a vendere prodotti per l'infanzia in polvere nel 1890, secondo un blog aziendale.

J&J affronta cause legali accusandolo di nascondere i rischi di cancro legati alla sua versione a base di talco per bambini dal 2014. le giurie negli Stati Uniti hanno colpito l'azienda con miliardi di dollari in danni reali e punitivi per la manipolazione del prodotto. J&J è riuscita a ridurre o ribaltare molti di questi verdetti di appello.

Le azioni del New Brunswick, società del New Jersey, sono scese dello 0,3% alla fine del trade a $ 148,55. Dall'inizio di quest'anno, le azioni sono aumentate del 2,2% fino alla chiusura di martedì.

La polvere per bambini in amido di mais J&J, presente sul mercato dal 1980, continuerà a essere venduta negli Stati Uniti e in Canada. Widmer ha dichiarato che il 75% dei suoi clienti nel settore dell'energia per bambini negli Stati Uniti usa il prodotto amido di mais, mentre il 25% dipende dal prodotto a base di talco. Al di fuori degli Stati Uniti, questi numeri sono invertiti, ha affermato Widmer, e il prodotto a base di talco continuerà a essere distribuito all'estero.

Johnson's Baby Powder è attualmente responsabile di meno dell'1% delle entrate sanitarie dei consumatori statunitensi dell'azienda. Widmer ha registrato un calo delle vendite del 60% dal 2017, con il cambiamento delle abitudini dei consumatori. La società incolpa "la disinformazione sulla sicurezza dei prodotti e un flusso costante di pubblicità nelle controversie" per il calo della domanda, secondo una dichiarazione.

"Non confondiamo i clienti", ha affermato Widmer.

La decisione di interrompere è stata presa durante una valutazione del portafoglio relativa a Covid-19 a marzo.

"Avevamo bisogno di intrufolarci" per liberare spazio nelle fabbriche per consentire un'adeguata distanza sociale, ha detto Widmer. “Probabilmente avremmo aspettato qualche mese altrimenti. Ma sapevamo che il business, che è già di piccole dimensioni, continuerebbe a diminuire ”.

Prodotti cancerogeni

Il talco è stato un pilastro dei prodotti per bambini perché il minerale mantiene la pelle asciutta e previene l'eruzione da pannolino. Le miniere di talco, tuttavia, possono anche produrre amianto, un minerale usato in prodotti come l'isolamento degli edifici. Alcune aziende hanno scoperto che l'amido di mais può offrire gli stessi benefici del talco senza il rischio di amianto.

A ottobre, J&J ha dichiarato che avrebbe ritirato dal mercato una singola partita di 33.000 bottiglie dopo che un test della Food and Drug Administration ha rilevato piccole quantità di contaminante in una bottiglia di talco. Ma la società ha affermato che i test di laboratorio ordinati non hanno trovato segni di amianto nel lotto recuperato, mettendolo in contrasto con i regolatori sanitari statunitensi che sono rimasti con i risultati dei test.

Lo stallo si è verificato quando le cause legali contro la società hanno continuato a salire. I funzionari di J&J hanno dichiarato il mese scorso di aver registrato un aumento del 15% nel numero di cause legali sostenendo che la polvere per bambini causa diversi tipi di cancro. Fermare la polvere per bambini in base al talco negli Stati Uniti può limitare il numero di casi di cancro che il prodotto di 127 anni genera ogni anno.

J&J sta probabilmente cercando una "data di fine per le richieste di talco", ha detto Leigh O'Dell, un avvocato dell'Alabama che supervisiona più di 16.000 azioni legali nel tribunale federale del New Jersey, incolpando il prodotto per aver causato il cancro alle ovaie. La decisione di interrompere le vendite "pone loro un ostacolo nel contenzioso".

L'anno scorso, Bausch Health Cos., Produttore di Shower to Shower in polvere, ha affermato di aver riformulato il prodotto per sostituire il talco con l'amido di mais come ingrediente attivo. La società non ha rivelato lo scambio fino a quando Bloomberg News non lo ha chiesto.

J&J in precedenza possedeva Shower to Shower, ma lo vendeva al predecessore di Bausch, Valeant Pharmaceuticals International.

Johnson & Johnson "rimane fermamente fiducioso nella sicurezza della Johnson Powder a base di talco", ha dichiarato la società in una nota. "Continueremo a difendere con forza il prodotto, la sua sicurezza e le accuse infondate nei suoi confronti e nei confronti dell'azienda in tribunale".

Fonte: Reuters / Times // Crediti immagine: Justin Sullivan - Getty Images

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.