La Cina afferma che gli Stati Uniti criticano l '"obiettivo sbagliato" e promettono donazioni di $ 2 miliardi ai paesi poveri

L'incontro annuale dell'Organizzazione mondiale della sanità è entrato un secondo giorno martedì, dopo un'apertura dominata dalle controversie, quando gli Stati Uniti hanno aumentato le minacce di isolazionismo e la Cina ha represso le critiche.

A Pechino, un portavoce del ministero degli Esteri, Zhao Lijian, ha criticato la posizione degli Stati Uniti in un'intervista di routine martedì dopo ulteriori accuse di offuscamento cinese.

"Gli Stati Uniti hanno fatto un errore di calcolo e hanno trovato l'obiettivo sbagliato quando hanno attaccato la Cina, sfuggendo alle sue responsabilità e contrattando su come adempiere ai suoi obblighi internazionali nei confronti dell'Organizzazione mondiale della sanità", Ha detto Zhao ai giornalisti.

Il presidente Trump, in una lettera postata su Twitter lunedì scorso, ha promesso di interrompere definitivamente i finanziamenti per l'Organizzazione mondiale della sanità a meno che non si impegni a "miglioramenti sostanziali nei prossimi 30 giorni" e dichiara che "la Cina è stata tutt'altro che trasparente "nella sua risposta.

Martedì mattina, un portavoce dell'Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che l'agenzia non ha immediatamente commentato la lettera, ma spera di avere "maggiore chiarezza" nel corso della giornata, secondo l'agenzia di stampa Reuters. La riunione annuale dell'organizzazione continua martedì ed è diventata un forum per le nazioni per evidenziare le proprie risposte ed entrare nel vuoto lasciato dagli Stati Uniti.

L'organizzazione ha adottato una risoluzione, presentata dall'Unione europea per conto di oltre 100 paesi, tra cui Australia, Cina e Giappone, sulla necessità di indagare senza obiezioni sulla risposta globale alla pandemia di coronavirus. Gli ufficiali seduti nella sala conferenze di Ginevra, distanziati a una distanza adeguata, applaudirono al suo passaggio.

Donazione generosa

Il presidente cinese Xi Jinping ha annunciato all'inizio dell'incontro che Pechino avrebbe donato $ 2 miliardi per combattere il coronavirus e inviare medici e forniture mediche all'Africa e ai paesi in via di sviluppo. Il gesto è stato anche visto - principalmente dalle autorità americane - come un tentativo da parte della Cina di impedire ulteriori controlli sul fatto che nascondesse informazioni sull'epidemia.

La donazione, che sarà suddivisa in due anni, è più che doppia rispetto a quella che gli Stati Uniti stavano dando all'agenzia prima che il presidente Trump avesse tagliato i finanziamenti statunitensi il mese scorso. L'anno scorso, gli Stati Uniti hanno contribuito per circa $ 553 milioni al budget dell'OMS per $ 6 miliardi.

L'amministrazione Trump ha cercato di incolpare l'organizzazione per la diffusione del virus, che ha ucciso oltre 315.000 persone in tutto il mondo, tra cui oltre 90.000 negli Stati Uniti. Nei commenti videoregistrati all'assemblea dopo che il signor Xi ha parlato, Alex M. Azar II, segretario alla salute e ai servizi umani degli Stati Uniti, ha contrastato con forti critiche sia dell'OMS che della Cina, affermando che il trattamento dell'epidemia ha portato a morti inutili .

Fonte: The NY Times / Reuters // Crediti immagine: Kevin Frayer / Getty Images

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.