Il capo della Banca mondiale elogia il G20 per l'imposizione della moratoria del debito sui paesi poveri

Il capo della Banca mondiale David Malpass ha elogiato il G20 per la sua decisione di imporre una moratoria del debito entro la fine del 2020. Parlando martedì, Malpass ha chiesto ai creditori privati ​​di seguire l'esempio dato dai paesi più industrializzati del mondo e considerare la possibilità di congelare i pagamenti dei prestiti ai paesi in via di sviluppo.

Ha anche affermato che la cancellazione totale del debito è stata un giorno discussa dai leader nazionali "a seconda dell'entità della crisi e della sua durata".

"È possibile che la moratoria venga estesa o annullata per i paesi che vi partecipano", ha affermato.

Aiuti ai paesi in via di sviluppo

Come parte della sua risposta al coronavirus, la Banca mondiale ha lanciato un enorme programma di aiuti di emergenza che ha finora raggiunto 100 paesi in via di sviluppo. Alcuni dei fondi verrebbero utilizzati per acquistare "dispositivi di protezione individuale, cose che possono aiutare gli operatori sanitari in prima linea", secondo Malpass, mentre altri sarebbero mirati a mantenere le imprese al di sopra del livello del mare.

Gli economisti temono che la pandemia possa portare fino a 60 milioni di persone in condizioni di estrema povertà in tutto il mondo. Il blocco globale, ha ammonito Malpass, "ha interrotto una fonte critica di sostentamento per i paesi più poveri" tagliando il flusso di rimesse e isolandole da acquirenti e turisti nel mondo più sviluppato.

Oltre ai problemi economici e al rischio COVID-19, le conseguenze della pandemia stanno causando anche altri problemi di salute nei paesi più poveri, ha affermato Malpass.

I paesi aiutati dalle misure anti-pandemia di emergenza della Banca mondiale ospitano circa il 70% della popolazione mondiale. La banca afferma che i suoi obiettivi sono sostenere le famiglie più povere e migliorare il sostentamento delle persone che subiscono l'impatto economico della pandemia. Oltre all'acquisizione di attrezzature e forniture mediche e alle società di assistenza, il programma mira anche ad aumentare la protezione della salute e della protezione sociale.

Fonte: DW

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.