Putin ordina un graduale allentamento del blocco del coronavirus nonostante i crescenti casi in Russia

Il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato lunedì un graduale allentamento delle misure di blocco del coronavirus, nonostante un ulteriore aumento delle infezioni che ha superato il conteggio di Russia e Italia, rendendolo il quarto più grande al mondo.

Putin, in un discorso televisivo a livello nazionale, ha affermato che da martedì inizierà a revocare le restrizioni che costringono molte persone a lavorare da casa e le imprese a chiudere temporaneamente.

Ha svelato nuove misure per sostenere le imprese e le famiglie con bambini che hanno visto i loro mezzi di sussistenza devastati. Ha affermato che la disoccupazione è raddoppiata a 1,4 milioni in un mese e ha voluto cercare di impedire l'aumento della crescita.

Il leader russo ha sottolineato che l'eliminazione delle restrizioni sarebbe graduale e che le singole regioni del più grande paese del mondo dovrebbero adattare il loro approccio alle diverse condizioni locali. Mosca, ad esempio, ha dichiarato che manterrà le proprie misure di blocco fino al 31 maggio.

Putin avrebbe continuato a vietare eventi di massa, e i russi di 65 anni hanno chiesto di rimanere a casa, anche se alcuni settori dell'economia ferita, come l'edilizia e l'agricoltura, avrebbero potuto ricominciare a lavorare.

"Tutte le misure (legate al coronavirus) che abbiamo adottato ci consentono di compiere il passo successivo nella lotta contro l'epidemia e di avviare una graduale revoca delle restrizioni al blocco", ha affermato Putin.

Questo esercizio dovrebbe essere fatto con attenzione e nel pieno rispetto dei nuovi più alti standard di sicurezza, ha aggiunto.

“Non dobbiamo permettere collassi, battute d'arresto, nuove ondate dell'epidemia e un aumento delle gravi complicanze. Ancora una volta, non ci sarà una rapida revoca delle restrizioni. Ci vorrà molto tempo ", ha detto.

Putin stava parlando dopo che il numero di nuovi casi del nuovo coronavirus è aumentato di un valore record giornaliero a 11.656, per un totale di 221.344. Solo la Gran Bretagna, la Spagna e gli Stati Uniti hanno registrato più casi.

Anche il centro di risposta al coronavirus del Paese ha riportato 94 nuovi decessi, portando il numero totale di decessi a 2.009. Il bilancio delle vittime ufficiale rimane molto più basso che in molti paesi, cosa che i critici del Cremlino hanno messo in dubbio.

I dati ufficiali pubblicati domenica mostrano che Mosca ha registrato il 18% in più di decessi nell'aprile di quest'anno rispetto allo stesso mese nel 2019, aumentando la possibilità che il numero ufficiale di decessi per COVID-19, la malattia respiratoria causata dal virus, sottovalutasse gravemente il impatto.

I funzionari governativi attribuiscono il minor numero di morti e il crescente e gran numero di casi a un vasto programma di test, secondo il quale sostengono che sono stati effettuati 5,6 milioni di test.

Si dice che ciò abbia consentito ai medici di identificare rapidamente le persone che necessitano di cure mediche e di garantire che le ricevano in modo tempestivo.

Lunedì Putin si è lamentato del fatto che un ordine che aveva dato allo staff medico di prima linea per ottenere pagamenti extra per il suo lavoro non era stato eseguito da tutte le regioni e ha dato loro quattro giorni per eseguire.

Fonte: Reuters // Crediti immagine: Sputnik / Aleksey Nikolskyi / Kremlin via REUTERS

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.