Il coronavirus sta cambiando la cultura del lavoro giapponese

La pandemia di coronavirus sta cambiando molti aspetti del modo in cui funziona il Giappone, con gli analisti che suggeriscono che la crisi offre una possibilità per le aziende che hanno ancora visioni profondamente tradizionali di ciò che il lavoro comporta abbandonare le vecchie abitudini e tenere il passo con le loro più snelle e agile. rivali all'estero.

Ci sono probabilmente altri due palesi simboli di quanto sia antica e conservatrice la compagnia giapponese comune: il fax e il "hanko", o sigillo ufficiale scolpito.

Uno studio del governo dell'anno scorso ha scoperto che praticamente tutte le aziende giapponesi e un terzo di tutte le famiglie usano ancora i fax - tecnologia risalente agli anni '1980 - per una buona parte delle loro comunicazioni. Allo stesso modo, hanko è un requisito costante per tutta la documentazione ufficiale e la stampa deve essere applicata fisicamente insieme o al posto di una firma personale.

Tecnologicamente avanzato

E mentre gli svantaggi in un'era di comunicazione istantanea sono evidenti, fax e hanko persistono in Giappone - ironia della sorte, una nazione che si vanta della sua abilità tecnologica.

"Stiamo vedendo il coronavirus che inaugura un nuovo modo di lavorare in Giappone, e penso che sia giunto il momento", ha affermato Ivan Tselichtchev, professore presso la Niigata University of Administration, che afferma che il collegamento del paese con il fax è particolarmente difficile da raggiungere. . comprensione, ma è probabilmente radicato nella riluttanza dei lavoratori più anziani a fidarsi della tecnologia moderna.

Le critiche alla dipendenza da fax sono aumentate dopo che un medico ha usato Twitter per criticare il requisito legale secondo cui ospedali e cliniche completano manualmente pagine di documenti su nuovi casi di coronavirus e poi inviano tutto ai centri di salute pubblica - dove i dati vengono inseriti manualmente su un computer in modo che le autorità possano monitorare la diffusione della malattia.

"Dai, smettiamola", ha twittato il medico, uno specialista di medicina respiratoria in un ospedale. “Segnala casi di scrittura a mano? Anche con il coronavirus, scriviamo a mano e inviamo fax. "

Ha aggiunto che il sistema è un ritorno al periodo Showa, il tempo che coincide con il regno dell'imperatore Hirohito, dal 1926 al 1989. Il tweet del dottore ha generato echi di supporto, con un messaggio che diceva: "Questo è il 2020. Per favore , basta ". assurdo, il Giappone ”.

Cambiamenti in arrivo

Il professor Tselichtchev concorda sul fatto che è tempo di abolire il fax dell'ufficio ed è fiducioso che sia giunto il momento.

"Penso che le aziende si aggrappino ai fax a causa della percezione che siano al sicuro", ha detto a DW. “Alcune persone, in particolare quelle tra i 50 e i 60 anni, hanno una profonda apprensione per gli hacker, le violazioni dei dati e il Web in generale, quindi pensano che l'invio di fax sia sicuro.

"Ma vedo già un cambiamento in corso", ha aggiunto. “I lavoratori più anziani stanno iniziando a ritirarsi e la nuova generazione che sta arrivando è più a suo agio con le moderne tecnologie. Sta diminuendo la paura di non avere un documento cartaceo fisico da conservare ”.

Il governo sembra prestare attenzione alle richieste di ammodernamento, con Masaaki Taira, il ministro che sovrintende alla politica informatica giapponese, annunciando che, a partire dal 10 maggio, i medici saranno in grado di inviare ai centri dati sui casi di infezione da coronavirus servizi sanitari pubblici per posta elettronica.

Allo stesso modo, il primo ministro Shinzo Abe stesso ha incaricato una revisione dell'usanza che richiede che i documenti ufficiali siano timbrati con un timbro "hanko". Ha sottolineato che l'insistenza sull'applicare un timbro alle scartoffie è volata di fronte alle linee guida ufficiali del governo in modo che le persone tenessero le distanze da tutti gli altri ed evitassero di essere il più possibile in un ambiente di ufficio.

L'evoluzione è stata rapida, con diverse aziende che hanno presentato idee per "hanko virtuale" che possono essere applicate alle scartoffie online.

"Più flessibile e resistente"

Un altro cambiamento nell'ambiente di lavoro è stato il lavoro da casa, un'altra inevitabile innovazione, poiché le autorità hanno chiesto alle aziende di ridurre il numero di persone negli uffici dell'80%. Il raggiungimento di questo obiettivo ridurrebbe drasticamente anche il numero di persone riunite su treni e autobus e potenzialmente condividendo il virus.

Makoto Hosomura lavora in un'azienda che tradizionalmente richiede molto tempo faccia a faccia con i clienti, ma afferma di adattarsi a un nuovo modo di lavorare. "Sono un importatore di vino e trascorrevo molto del mio tempo viaggiando in diversi ristoranti e negozi a Tokyo e nei dintorni per incontrare i clienti e parlare dei nuovi arrivati ​​o di ciò che sarebbe arrivato presto", ha detto.

"Non possiamo più farlo, quindi lavoro da casa e passo gran parte della giornata al computer o al telefono, parlando con i clienti", ha affermato Hosomura. “All'inizio era difficile. Faccio questo lavoro da quasi 40 anni e ti abitui a un certo modo di fare le cose, e i clienti sono gli stessi. Ma questo non è più possibile. "

"Non vedo l'ora di poter rivedere i miei clienti una volta che il governo allenterà le restrizioni, ma mi sono anche abituato a lavorare da casa e probabilmente sono più efficiente di prima", ha ammesso. "Non credo che tornerò completamente al modo in cui lavoravamo".

Jeff Kingston, direttore di Asian Studies presso il campus della Temple University di Tokyo, crede che i lavoratori giapponesi - molti dei quali odiano i loro spostamenti congestionati, lunghe ore in ufficio e le inefficienze delle loro organizzazioni - vogliono continuare il loro nuovo modo di lavorare. funziona non appena il blocco viene semplificato.

"Sento che la pandemia vedrà tutti gli argomenti avanzati in passato per non aver cambiato le abitudini di lavoro semplicemente scomparendo nello specchietto retrovisore", ha detto.

"Ha già dimostrato che i sistemi obsoleti possono essere dannosi per la salute pubblica e l'interesse nazionale, mentre anche la generazione che è sposata con i fax e così via sta scomparendo", ha aggiunto. "Vedo la cultura del lavoro giapponese lentamente ma sicuramente diventare più flessibile e resistente".

Fonte: DW / Reuters / Kyodo // Crediti fotografici: Reuters / Kyodo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.