La Cina critica gli Stati Uniti per presunto virus trapelato dal laboratorio di Wuhan

Il ministero degli Esteri cinese ha fatto una forte critica mercoledì al segretario di Stato Mike Pompeo per la sua dichiarazione dello scorso fine settimana che il coronavirus che ha ucciso centinaia di migliaia di persone è nato in un laboratorio cinese.

Una portavoce del ministero, Hua Chunying, ha indicato un appunto trapelato di recente che chiedeva ai repubblicani del Senato di attaccare la Cina e i suoi laboratori come un problema di campagna, che secondo lei aveva screditato le dichiarazioni del governo.

"L'enorme dramma del cambiamento di colpa negli Stati Uniti è già stato molto rovinato, e continuare il dramma non ha senso", ha detto. "Consiglio a queste persone negli Stati Uniti di non rimanere incantate dalle proprie azioni."

Pompeo ha restituito l'incendio in una conferenza stampa più tardi mercoledì, accusando la Cina di nascondere lo scoppio. Ha osservato che, all'inizio, i funzionari locali avevano rimproverato due medici per aver cercato di avvisare i colleghi di un nuovo focolaio simile alla SARS.

"La Cina avrebbe potuto prevenire la morte di centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo", ha detto. “Avevano una scelta. Ma invece, la Cina ha coperto lo scoppio a Wuhan. "

Accesso limitato

Le autorità cinesi non hanno concesso agli esperti internazionali il pieno accesso alle strutture sanitarie di Wuhan, compresi gli ospedali che hanno curato i primi casi durante l'epidemia.

Pompeo ha affermato che il governo cinese ha ancora rifiutato di condividere informazioni che avrebbero aiutato la ricerca internazionale, incluso il rilascio di campioni di virus a partire da dicembre.

Era arrabbiato quando è stato spinto dai giornalisti nelle sue dichiarazioni di domenica che c'erano prove "enormi" e "significative" che indicavano un incidente di laboratorio a Wuhan come la fonte dell'epidemia.

Anthony Fauci, lo scienziato che ha contribuito a guidare la risposta del governo allo scoppio negli Stati Uniti, ha dichiarato al National Geographic in un'intervista pubblicata lunedì che il virus ha probabilmente fatto il salto naturale da un animale a un essere umano in un ambiente non di laboratorio. . .

Pompeo ha insistito sul fatto che la dichiarazione di Fauci e la sua non erano contraddittorie.

Ha assunto la guida premendo le agenzie di intelligence statunitensi per prove a sostegno della teoria infondata, sebbene i funzionari dell'intelligence affermino che è improbabile che trovino prove. Funzionari occidentali degli alleati anglofoni "Five Eyes" che condividono informazioni affermano che si stanno unendo all'idea che un focolaio iniziato in un laboratorio era improbabile.

Si dice che i laboratori del Centro di controllo delle malattie di Wuhan e dell'Istituto di virologia di Wuhan stiano conducendo ricerche sui coronavirus dei pipistrelli. I ricercatori affermano che il nuovo contagio probabilmente ha avuto origine da pipistrelli, è saltato in un'altra specie animale e poi si è diffuso nell'uomo.

Fonte: Guardian / NYTimes // Crediti immagine: Hector Retamal / Agence France-Presse - Getty Images

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.