La Corea del Nord lancia missili balistici nell'oceano

La Corea del Nord ha sparato almeno un proiettile non identificato nell'oceano al largo della costa orientale, hanno detto domenica i capi di stato maggiore della Corea del Sud, con il Ministero della Difesa giapponese che riferisce che sembrava un missile balistico.

Il ministero ha affermato che il missile non è atterrato nel territorio giapponese o nella sua zona economica esclusiva.

"Continueremo a fare del nostro meglio per raccogliere, analizzare e monitorare le informazioni", ha affermato il ministero in una dichiarazione su Twitter.

Se confermato come missile balistico, questo sarebbe il quarto round di lanci di questo mese, poiché le truppe nordcoreane conducono esercitazioni militari in corso, di solito supervisionate personalmente dal leader Kim Jong Un.

"Arrivando all'inizio dell'anno, l'unica volta in cui abbiamo visto i test frequentemente è stato nel 2016 e nel 2017, due enormi anni per il programma missilistico della Corea del Nord", ha detto Shea Cotton, ricercatore senior presso il James Martin Center for Nonproliferation Studies, un post su Twitter.

L'ultimo lancio del test è stato il 21 marzo. Sulla base delle fotografie pubblicate dai media statali della Corea del Nord, gli analisti hanno identificato queste armi come missili balistici a corto raggio KN-24.

Le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite impediscono alla Corea del Nord di testare missili balistici e il paese è stato pesantemente sanzionato per i suoi programmi missilistici e nucleari.

Gli esercizi militari di questo mese sono stati condotti nonostante il blocco delle frontiere e le misure di quarantena imposte nella Corea del Nord, nel tentativo di prevenire lo scoppio del nuovo coronavirus o la malattia causata dal virus noto come COVID-19.

Il paese politicamente ed economicamente isolato non ha registrato un caso confermato, sebbene alcuni esperti stranieri abbiano sollevato dubbi al riguardo.

In esercitazioni militari all'inizio di questo mese, i soldati nordcoreani attorno a Kim Jong Un sono stati visti indossare maschere protettive, ma nelle foto dell'esercizio 21 marzo quelle maschere sono scomparse.

Marzo è stato un periodo tipico per la Corea del Nord per condurre esercitazioni militari, inclusi test sui suoi missili balistici.

Nei due anni precedenti, tuttavia, aveva evitato il lancio in primavera tra i negoziati di denuclearizzazione con gli Stati Uniti.

Da allora, questi colloqui si sono interrotti e la serie di test ed esercitazioni militari di quest'anno sembrano mirare a evidenziare il ritorno della Corea del Nord a una politica più rigorosa, ha affermato Ankit Panda, un membro anziano della Federazione degli scienziati americani di Washington.

"C'è un elemento di proiezione di un'immagine aziendale come al solito nel bel mezzo della situazione COVID-19, ma penso che non sia fondamentale", ha detto. "Questi test consentono a Kim Jong Un di dimostrare di seguire la linea politica stabilita nel dicembre 2019".

Fonte: Reuters // Crediti immagine: REUTERS / Pierre Albouy

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.