Si dice che il lupus si esaurirà in diversi paesi

La ricerca di una "cura" non dimostrata per Covid-19 sta pulendo gli scaffali delle farmacie di un farmaco che è vitale per fino a 5 milioni di persone in tutto il mondo che soffrono di lupus mentre i paesi si piegano alla pressione populista e abbandonare i test che dimostrerebbero se l'idrossiclorochina funziona effettivamente contro l'infezione da coronavirus.

Sia l'Italia che la Francia hanno affermato che i medici possono ora prescrivere l'idrossiclorochina, una versione meno tossica della clorochina, sebbene non vi siano prove concrete per dimostrare che sia efficace contro Covid-19.

La pressione popolare sull'accesso alla droga è stata accentuata dalle dichiarazioni dei presidenti Donald Trump negli Stati Uniti e Jair Bolsonaro in Brasile, che hanno affermato che si trattava di una cura. Un uomo d'affari australiano, ex politico Clive Palmer, si è impegnato a finanziare dosi di 1 milione "per garantire che tutti gli australiani abbiano accesso alla droga il più rapidamente possibile".

Ma il farmaco si sta già esaurendo per le persone con lupus, un disturbo del sistema immunitario che dipende da esso per guarire. I deficit sono stati segnalati nel Regno Unito, in Thailandia e in Francia. L'India, che produce l'ingrediente grezzo, ha vietato tutte le esportazioni della sostanza chimica per proteggere le proprie scorte e ha raccomandato a tutti gli operatori sanitari di assumere il farmaco per proteggersi dal virus.

"Siamo incredibilmente preoccupati al momento", ha dichiarato Paul Howard di Lupus UK. “Abbiamo iniziato a ricevere consultazioni da pazienti in tutto il Regno Unito circa una settimana fa. Questo è in rapido aumento - sempre più persone ogni giorno. "

Per il 90% delle oltre 60.000 persone nel Regno Unito con lupus, l'idrossiclorochina è la base del loro trattamento, impedendo al sistema immunitario di produrre molti anticorpi, che possono attaccare gli organi del corpo - principalmente i reni e la pelle, ma anche cuore, polmoni e cervello.

"Le farmacie locali non hanno scorte sugli scaffali", ha detto Howard. "Non hanno una data per quando possono aspettarsi che arrivi lo stock."

Non esiste una buona alternativa, ha detto. Altri immunosoppressori hanno effetti collaterali tossici e possono mettere le persone a maggior rischio per Covid-19.

Attualmente, c'è una disputa nazionalista in tutto il mondo per garantire la fornitura di idrossiclorochina, nonostante l'assenza di prove rigorose nel trattamento del coronavirus. Un piccolo test in Cina ha prodotto buoni risultati, ma era tutt'altro che sufficiente per dimostrare che funziona.

In Francia, il governo ha ceduto alle pressioni di un medico che ha effettuato il suo test molto piccolo e rapido del farmaco combinato con un antibiotico su 26 persone, usando una metodologia che è stata seriamente criticata. Didier Raoult, un professore di malattie infettive che lavora all'ospedale La Timone di Marsiglia, ha dichiarato in un video di YouTube che la clorochina era una cura per Covid-19 e che doveva essere usata immediatamente.

Raoult lasciò il comitato consultivo scientifico per consigliare il governo. È iniziata una frenesia sui social media, con la pretesa che il governo fosse influenzato dalle grandi compagnie farmaceutiche che volevano bloccare l'idrossiclorochina perché era economica, senza brevetti. Le persone in fila fuori dall'ospedale di Raoult devono essere testate e somministrate il farmaco, sfidando il blocco. Alla fine, il governo francese cedette e decretò che gli ospedali potevano prescriverlo per qualsiasi paziente a Covid-19. Possono anche somministrare il farmaco anti-HIV, che dovrebbe essere sottoposto a test globali per Covid-19, Kaletra, che è una combinazione di lopinavir e ritonavir.

L'Italia ha seguito l'esempio. Venerdì il governo ha annunciato che la clorochina e l'idrossiclorochina possono essere utilizzate per trattare tutti i pazienti Covid-19 e pagate integralmente dal sistema sanitario nazionale italiano. Pagherei anche per Kaletra.

L'impatto sui test globali per scoprire cosa funziona davvero è grave. Nick White, professore di medicina tropicale all'Università di Mahidol in Tailandia e all'Università di Oxford, afferma che il problema è enorme - non tanto per la malaria, dove il farmaco è ora meno utilizzato, ma per i pazienti con lupus e sperando di scoprire il che funziona e condividerlo a livello globale.

“Da Fauci [consulente in malattie infettive al governo degli Stati Uniti, Dr. Anthony Fauci] a capo dell'Organizzazione mondiale della sanità, tutti esprimono giudizi. Potrebbe essere peggio di niente. Non lo sappiamo ", ha detto.

“La chiusura nazionalista delle esportazioni e delle importazioni di droga è grave. Le medicine sono prodotte in un numero relativamente piccolo di posizioni e devono essere spostate in altre posizioni.

"Il danno indiretto può essere peggiore dell'impatto di Covid-19", ha detto. "Non sono solo i farmaci che possono funzionare. È tutto stupido. L'Italia, ad esempio, è un'importante fonte di medicinali per il SSN. Questa è un'area molto ampia. Sta diventando più grande di minuto in minuto. E l'opportunità di rispondere alla domanda sensata: queste cose funzionano, sì o no? - si sta restringendo man mano che i paesi diventano più nazionalisti in termini di accumulo di droghe ”.

Fonte: Custode // Crediti immagine: Chesnot / Getty Images

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.