La creatura popolare giapponese guadagna popolarità nel caos del coronavirus

Nel mezzo della crisi apparentemente infinita del coronavirus, una brillante creatura tradizionale del folklore giapponese è riemersa come simbolo di speranza per alcuni.

Una statua in bronzo di Amabie, una creatura yokai popolare giapponese, è vista nella città di Okinoshima, nella provincia di Shimane, vicino alla città di Sakaiminato, nella provincia di Shimane. La statua si basa su un disegno di Amabie, dell'artista tardo manga Mizuki Shigeru. (Foto per gentile concessione del governo municipale di Okinoshima)

Amabie, uno "yokai" che predisse l'arrivo dei parassiti, ha recentemente attirato popolarità in Giappone: la leggenda narra che la creatura - che ha un corpo mezzo umano, mezzo pesce e scintillante, con un becco - apparve sull'attuale costa provinciale. da Kumamoto, nel sud-ovest del Giappone, durante il periodo Edo. Ha detto alla gente di condividere foto di se stesso con gli altri per scongiurare la peste, prima di scomparire nel mare.

Il 17 marzo, Mizuki Production, trattando le opere dell'artista defunto manga Shigeru Mizuki - considerato un maestro del genere yokai - ha pubblicato su Twitter un'immagine di Amabie che ha disegnato, con il messaggio: “Possa la peste moderna andare lontano . "

Dopo il tweet, diversi artisti e illustratori di manga, tra cui Chika Umino, Mari Okazaki e Toshinao Aoki, hanno pubblicato i loro disegni della creatura, pregando che la pandemia finisse. Ora, questi post sono pieni di commenti dei fan, con uno che dice: "Voglio usare questo come sfondo sul mio smartphone per impedire la diffusione (del nuovo coronavirus)" e un'altra lettura: "Sembra che potrebbe anche sbarazzarsi di diversi tipi di virus ".

Il museo Mizuki Shigeru Kinenkan, con sede nella città di Sakaiminato, provincia di Tottori, Giappone occidentale - il luogo di nascita dell'artista - ora riceve costantemente informazioni su Amabie. Sebbene in precedenza una bacheca di informazioni su Amabie fosse stata esposta in una sezione sugli yokai tradizionali in Giappone, è stata spostata vicino all'ingresso per attirare l'attenzione dei visitatori.

Uno studente universitario di 21 anni che ha visitato il museo nella città di Kurashiki nella prefettura di Okayama, nel Giappone occidentale, ha espresso preoccupazione per l'impatto del nuovo coronavirus. "Sono preoccupato che ciò influenzerà le mie attività di ricerca di lavoro. Voglio che Amabie eserciti il ​​suo potere ", ha detto.

Yukio Shoji, capo del museo, ha dichiarato: “È così sorprendente che riceviamo feedback non solo dai giovani, ma anche dagli anziani. Questo potrebbe avere a che fare con il tuo aspetto lucido e scintillante, che lascia un'impressione ”.

Fonte: Mainichi // Crediti immagine: Mainichi / Haruno Kosaka

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.