FMI: la recessione di Covid-19 potrebbe essere peggiore del 2008

La direttrice del FMI Kristalina Georgieva ha emesso questo avvertimento dopo una teleconferenza dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali del G20 di oggi. Georgieva afferma di aver espresso tre punti nella chiamata:

1) Innanzitutto, le prospettive di crescita globale: per il 2020 è negativo - "una recessione almeno grave come durante la crisi finanziaria mondiale o peggio".

L'FMI ​​prevede una ripresa nel 2021 - ma affinché ciò accada, i paesi devono dare la priorità al contenimento e rafforzare i sistemi sanitari - ovunque.

"L'impatto economico è e sarà grave, ma più veloce si ferma il virus, più veloce e forte è la ripresa".

2) Le economie dei mercati emergenti sono in una posizione peggiore per affrontare la crisi

"Sono gravemente colpiti dai flussi di capitali esterni e le attività domestiche subiranno gravi ripercussioni quando i paesi risponderanno all'epidemia. Gli investitori hanno già rimosso $ 83 miliardi dai mercati emergenti dall'inizio della crisi, il più grande deflusso di capitali mai registrato. Siamo particolarmente preoccupati per i paesi a basso reddito in difficoltà di indebitamento, una questione su cui stiamo lavorando a stretto contatto con la Banca mondiale. "

3) L'FMI ​​vuole aiutare e ha $ 1 trilione di prestiti disponibili

"Intensificheremo in modo massiccio i finanziamenti di emergenza - quasi 80 paesi chiedono il nostro aiuto - e stiamo lavorando a stretto contatto con altre istituzioni finanziarie internazionali per fornire una risposta coordinata forte".

Fonte: Custode // Crediti immagine: Brendan Smialowski / AFP via Getty Images

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.