Il designer di kimono reso famoso dopo aver mescolato tradizione e modernità

Il kimono della stilista Hiroko Takahashi presenta modelli moderni e sfida le visioni convenzionali del pezzo, ma afferma che il suo successo deve molto al rispetto delle abitudini e all'ascolto degli artigiani tradizionali.

Cerchi e linee aggraziate adornano il kimono che produce per uomo e donna. Le foto di Takahashi in kimono e in piedi con i piedi divaricati riflettono la sua intenzione di rompere con l'idea che le donne dovrebbero camminare modestamente con i piedi di piccione in abiti di lunga data.

"Il kimono dovrebbe essere goduto più liberamente", ha detto Takahashi, 42 anni.

La sua miscela di modernità e tradizione deriva dai suoi numerosi anni di studio nel settore dell'abbigliamento.

Takahashi è nato ad Asaka, nella prefettura di Saitama, in una famiglia che era brava con le mani. Suo padre è un intonacatore, mentre sua madre e sua nonna erano abili nel cucire e nel lavorare a maglia.

Dopo aver visto un programma in TV Tokyo Corp. con articoli di moda, Takahashi ha deciso di intraprendere la carriera di designer di abbigliamento.

Si iscrisse a un corso di progettazione di abbigliamento e accessori presso la Scuola tecnica generale della Prefettura di Saitama Niiza per avere la possibilità di lavorare in un'azienda di cucito. Voleva migliorare le sue abilità di cucito a un livello in cui poteva produrre prodotti venduti commercialmente da sola.

Successivamente, si è laureata in tintura e tessitura presso l'Università delle Arti di Tokyo, dove è stata coinvolta nella progettazione di kimono.

Dopo aver conseguito la laurea, Takahashi ha iniziato a lavorare come designer in una grande azienda di abbigliamento. Ma sviluppare articoli prodotti in serie non era quello che voleva fare, quindi ha lasciato il lavoro dopo sei mesi.

Takahashi ha dichiarato di aver deciso di "ricercare a fondo il kimono per creare cose diverse da quelle realizzate da designer al di fuori del Giappone". Tornò alla scuola di specializzazione per studiare abiti tradizionali.

Quando ha fondato la sua azienda produttrice di kimono, i suoi ordini di tessuti sono stati spesso respinti da artigiani che erano abituati a modelli vecchio stile. Dissero che i loro disegni non erano adatti al kimono.

Takahashi tornò a studiare. Ha esaminato a fondo il lavoro precedente degli artigiani prima di effettuare i loro ordini, migliorando così le comunicazioni con loro.

"I nuovi prodotti possono essere creati da una mancanza di comprensione delle tecniche e delle abilità utilizzate per progettare il kimono", ha detto Takahashi. "Ma ciò spesso rende il processo difficile."

Un effetto reciproco del suo atteggiamento onesto nei confronti dell'artigianato è che gli altri si sforzano di comprendere le intenzioni e le tecniche alla base dei progetti di Takahashi.

La collaborazione con gli artigiani è anche essenziale per la vasta gamma di prodotti Takahashi, come il kimono casual "yukata", il tessuto "furoshiki" e la porcellana.

"Le restrizioni offrono l'opportunità di sviluppare nuovi articoli", ha detto.

Il kimono di Takahashi sta attirando l'attenzione in tutto il mondo. Una delle sue creazioni è presente nella collezione permanente del Victoria and Albert Museum, che mostra importanti opere di design e altre produzioni artistiche, in Gran Bretagna.

Takahashi prevede inoltre di tornare a scuola. Ad aprile, sarà nominata professoressa ospite presso il Dipartimento di design industriale, interni e artigianato dell'Università Musashino di Arte.

Ha detto che si concentrerà maggiormente sulla creazione di designer junior.

Fonte: Asahi // Crediti immagine: Asahi / Takahashihiroko

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.