La vittima della bomba atomica chiede l'eliminazione delle armi nucleari

Yoshiro Yamawaki, una vittima degli anni 85 dell'attacco dinamitardo Nagasaki su 1945, ha fatto appello alla comunità internazionale venerdì per chiedere aiuto nell'eliminazione delle armi nucleari.

Yoshiro Yamawaki, un rappresentante dei sopravvissuti alla bomba atomica a Hibakusha, parla al Nagasaki Peace Park di Nagasaki venerdì. Foto: Yomiuri Shimbun

"Per favore, prestate la vostra forza per eliminare le armi nucleari dalla faccia della terra e assicuratevi che Nagasaki sia l'ultimo posto al mondo a subire i bombardamenti atomici", ha detto Yamawaki in inglese durante una cerimonia annuale a Nagasaki, davanti a un pubblico che includeva Il primo ministro Shinzo Abe e rappresentanti di altri paesi.

Leggendo una promessa di pace come rappresentante dei sopravvissuti alla bomba atomica di hibakusha, Yamawaki ha fatto appello alla frase che usa sempre quando condivide la sua esperienza con gli stranieri in inglese, una lingua che ha imparato da solo.

Yamawaki ha anche esortato Abe come leader dell'unico paese al mondo per le bombe atomiche a incoraggiare le potenze nucleari ad abolire le armi nucleari.

Quando Nagasaki ha subito un attacco nucleare negli Stati Uniti in questo giorno 74 anni fa, tre giorni dopo il bombardamento atomico di Hiroshima, Yamawaki, 11 anni a quel tempo, era a casa sua a circa 2 chilometri dal suolo zero ed è stato esposto alle radiazioni.

Alcuni membri della famiglia che erano stati evacuati dalla città sono fuggiti dai bombardamenti e i loro fratelli, che sono rimasti in città, sono sopravvissuti. Ma suo padre, che era vicino al punto zero, fu ucciso nell'esplosione.

Yamawaki e i suoi fratelli hanno cercato di cremare il corpo del padre con pezzi di legno, ma non hanno potuto sopportare di vedere bruciare il cadavere e lasciare la scena.

Quando sono tornati per raccogliere le ossa il giorno successivo, hanno trovato il corpo solo parzialmente cremato, ha detto Yamawaki. Nel momento in cui suo fratello maggiore ha toccato il cranio con un bastone, è crollato e il suo cervello è fuoriuscito dall'interno. Spaventati, Yamawaki e i suoi fratelli corsero a casa senza portare con sé le ossa del padre. Yamawaki ha detto che rimpiange ancora di aver lasciato il corpo di suo padre.

Molte persone che hanno perso membri della famiglia a causa dei bombardamenti atomici hanno sperimentato tragedie simili e coloro che sono sopravvissuti a malapena ai bombardamenti hanno sofferto per le ferite causate dal calore e gli effetti collaterali delle radiazioni, ha detto Yamawaki.

Anche Yamawaki e i suoi fratelli soffrono di cancro e altre malattie.

Fonte: Jiji Press

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.