Un cartello in un negozio di assicurazioni annuncia Obamacare a San Ysidro, San Diego, California, USA, 26 ottobre 2017. Foto: REUTER / Mike Blake

Corte Suprema per ascoltare l'offerta degli assicuratori per $ 12 miliardi in contanti Obamacare

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha concordato lunedì di decidere se gli assicuratori potrebbero chiedere $ 12 miliardi dal governo federale nell'ambito di un programma stabilito dalla legge Obamacare, che mira a incoraggiarli a offrire una copertura sanitaria agli americani che non hanno un'assicurazione.

I giudici sentiranno un appello da parte di un gruppo di assicuratori per una sentenza della corte inferiore che il Congresso ha sospeso l'obbligo del governo di effettuare tali pagamenti. Gli assicuratori hanno detto che la decisione, se permessa, consentirebbe al governo di innescare un esca-e-switch e mantenere il denaro promesso alle aziende.

L'unità di Fashion Inc e altri assicuratori che hanno cercato di costringere il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HHS) a effettuare i pagamenti, hanno detto che il governo dovrebbe aiutarli a riprendersi dalle perdite subite dopo 2010. l'Affordable Care Act dell'ex presidente democratico Barack Obama.

La legge, soprannominata Obamacare, consentiva a milioni di americani che in precedenza non avevano copertura medica per ottenere l'assicurazione.

Tra gli altri assicuratori coinvolti nel caso figurano Blue Cross e Blue Shield della North Carolina, Maine Community Health Options e Land of Lincoln Mutual Health Insurance Company.

Se la Corte Suprema è d'accordo con gli assicuratori, ciò potrebbe comportare un'iniezione di denaro significativa per grandi aziende come Humana, Anthem e Centene, secondo una nota di Evercore ISI. Gli assicuratori avevano in precedenza annullato il valore dei pagamenti.

I pagamenti sarebbero avvenuti attraverso il cosiddetto programma di corridoio di rischio della legge che è stato progettato per ridurre i rischi da 2014 agli assicuratori 2016 quando hanno venduto la copertura a persone non assicurate che hanno acquistato un'assicurazione ai sensi dell'Affordable Care Act.

Robert Gootee, amministratore delegato di Fashion Inc, ha dichiarato di essere stato incoraggiato dall'accordo della Corte Suprema di ascoltare il caso.

"Restiamo fiduciosi che il tribunale alla fine soddisferà l'impegno del governo a pagare quelle società, tra cui Moda, che hanno risposto alla richiesta del governo di fornire accesso alle cure mediche per i più bisognosi", ha detto Gootee in una nota.

HHS non ha voluto commentare.

Nell'ambito del programma del corridoio di rischio, gli assicuratori che pagavano molto meno sui prestiti di polizze venduti attraverso le sovvenzioni che non hanno ricevuto premi fornivano parte del loro reddito al governo. Gli assicuratori che pagavano di più avevano diritto al risarcimento da parte del governo per parte delle loro perdite.

I repubblicani, che si sono opposti a Obamacare sin dall'inizio e hanno ripetutamente cercato di revocarlo al Congresso, hanno definito il programma di corridoio "salvataggi" per il settore assicurativo.

A dicembre di 2014, il Congresso approvò una legge di appropriazione per l'anno fiscale 2015, che includeva una procedura che impediva a HHS di utilizzare i fondi generali per pagare i titoli di stato al corridoio del rischio.

Di conseguenza, il governo potrebbe solo compensare gli assicuratori con i soldi raccolti dagli assicuratori che hanno pagato meno di quanto hanno ricevuto dai premi. Il Congresso ha varato procedure identiche per gli anni fiscali di 2016 e 2017.

I pagamenti degli assicuratori, tuttavia, non erano in grado di finanziare tutti i pagamenti di corridoio dichiarati. Nel mese di novembre di 2017, HHS ha pubblicato statistiche che indicano che i pagamenti degli assicuratori per il periodo di tre anni sono stati inferiori ai pagamenti richiesti di $ 12 miliardi.

La Corte d'appello statunitense per il Circuito Federale ha deciso da 2 a 1 l'anno scorso che il Congresso ha implicitamente approvato l'obbligo statutario di pagare gli assicuratori. Gli assicuratori hanno fatto appello, sostenendo che i precedenti della Corte Suprema richiedono un linguaggio legislativo molto più esplicito per eliminare un obbligo di pagamento precedentemente adottato.

Per un grafico delle principali decisioni della Corte Suprema, clicca tmsnrt.rs/2V2T0Uf.

Fonte: Reuters

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *