FILE FOTO: Bandiere sorvolano la Gigafactory di Tesla Inc. 2, conosciuta anche come RiverBend, una joint venture con Panasonic per produrre pannelli solari e tegole in Buffalo, New York, Stati Uniti, agosto 2, 2018. REUTERS / Brendan McDermid / Foto di file

Il tetto solare di Tesla si sta rivelando un fallimento della rinomata azienda

La "stragrande maggioranza" di celle solari prodotte nello stabilimento Tesla Inc. nello stato di New York viene venduta all'estero, piuttosto che essere utilizzata nel marchio "Solar Roof" dell'azienda, come originariamente previsto, secondo i documenti esaminati Di Reuters.

L'esportazione sottolinea la profondità dei problemi di Tesla nel settore dell'energia solare negli Stati Uniti che il produttore di auto elettriche ha inserito in 2016 con il suo controverso acquisto di $ 2,6 miliardi da SolarCity.

Tesla acquistò solo sporadicamente celle solari prodotte dal suo partner in fabbrica, Panasonic Corp., secondo un funzionario dell'impianto solare di Buffalo che parlava in condizioni di anonimato. Il resto sta andando in gran parte agli acquirenti esteri, secondo una lettera di Panasonic ai funzionari doganali statunitensi, rivista da Reuters.

Quando le due società hanno annunciato la partnership a 2016, le aziende hanno affermato che collaborerebbero alla produzione di celle e moduli e che Tesla avrebbe assunto un impegno a lungo termine per acquistare le celle di Panasonic. Le celle sono componenti che convertono la luce solare in elettricità; sono combinati per realizzare pannelli solari.

Tesla progettò di usarli sul suo tetto solare, un sistema che avrebbe dovuto assomigliare alle normali piastrelle. Elon Musk, CEO di Tesla, ha definito il prodotto la chiave di volta della strategia che sta dietro all'acquisizione: vendere uno stile di vita a basse emissioni di carbonio a consumatori attenti all'ecologia che potrebbero utilizzare il potere del tetto solare per ricaricare il proprio veicolo elettrico Tesla.

Ma l'azienda li ha installati su una manciata di tetti in tutto il paese finora, dopo i problemi nella linea di produzione e l'eviscerazione del team di vendita solare di Tesla.

I dati dello stato di alifornia mostrano che i sistemi di tetti solari 21 erano collegati da tre società di investitori statali in 28 a febbraio. Solo pochi altri erano collegati nel nord-est degli Stati Uniti, secondo un ex dipendente di Tesla con conoscenza della materia. licenziato durante i tagli del personale all'inizio di quest'anno e ha chiesto di non essere identificato.

Tesla ha rifiutato di commentare gli acquisti di celle Panasonic e non fornirebbe numeri per le strutture di Solar Roof. Ma un funzionario della compagnia ha dichiarato in una e-mail che "il numero di tetti solari citati nella storia è basso e non rappresentativo, dato che stiamo installando attivamente il tetto solare in otto stati oggi".

La situazione solleva nuove domande sulla redditività del business dell'energia solare di Tesla. Una volta il muschio definì l'affare un gioco da ragazzi, ma alcuni investitori lo criticarono come salvataggio di una società affiliata a spese degli azionisti di Tesla. Prima della fusione, Musk è stato presidente del consiglio di amministrazione di SolarCity e suo cugino, Lyndon Rive, era il CEO della società.

Il portavoce di Panasonic, Alberto Canal, ha rifiutato di commentare le vendite della società a Tesla, ma ha confermato che Panasonic sta cercando di utilizzare le sue attività a Buffalo per soddisfare la domanda di celle solari prodotte dagli Stati Uniti da acquirenti stranieri.

Nel mese di ottobre 2018 aveva dichiarato in un deposito al Dipartimento del commercio degli Stati Uniti che la domanda estera di celle solari prodotte negli Stati Uniti era sorto dopo che il governo di Trump aveva imposto tariffe su pannelli fabbricati all'estero a 2018.

Panasonic produce anche pannelli solari tradizionali presso lo stabilimento di Buffalo per Tesla, ma ne ha venduti molti ad altri acquirenti almeno dallo scorso anno a causa della bassa domanda della casa automobilistica californiana, 2018 riportata ad agosto. Percentuale di vendite di energia solare nel primo trimestre, che si aggiungono alle precedenti grandi flessioni dall'acquisizione di SolarCity.

Fonte: Reuters

Annunci

Lascia un Commento