Le due maggiori banche giapponesi registrano un calo a due cifre dell'utile annuale

Mercoledì le due più grandi banche del Giappone hanno registrato cali a due cifre in termini di profitto annuale, evidenziando le crescenti sfide per le banche, in quanto la terza più grande economia del mondo è destinata a un'altra recessione.

Le banche in Giappone sono state costrette ad affrontare per anni il non invidiabile compito di navigare su una popolazione che invecchia e rinsecchisce e un massiccio stimolo alle banche centrali. La politica monetaria della Banca del Giappone li ha lasciati con margini di profitto molto bassi.

Ora ci sono segni di debolezza economica all'orizzonte. Una valutazione del governo questa settimana ha mostrato che il Giappone potrebbe già essere in recessione a causa dell'impatto di una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e di una debole domanda estera. È probabile che ciò aumenti i costi di default delle banche man mano che ulteriori prestiti peggiorano.

Sia Mitsubishi UFJ Financial Group Inc. (MUFG) che Mizuho Financial Group Inc. hanno illustrato anche il costo richiesto agli istituti di credito giapponesi per evolvere nel contesto in evoluzione.

"Abbiamo deciso che dovremmo essere pronti per una certa quantità di costi di credito per quest'anno", ha detto l'amministratore delegato Mizuho Tatsufumi Sakai in una conferenza stampa, riferendosi ai soldi accantonati per coprire i crediti inesigibili.

Mizuho, ​​la seconda più grande banca del Giappone, ha registrato un calo dell'83% dell'utile netto a 96,6 miliardi di yen nell'anno a marzo di 2019. Ciò ha segnato la performance più debole dalla crisi finanziaria globale quando la banca è caduta in perdita. Il risultato è stato ampiamente previsto dopo che Mizuho ha ridotto le prospettive per l'anno due mesi fa.

La banca ha detto di essere stata colpita dal costo della chiusura delle agenzie nazionali e ristrutturato il suo portafoglio titoli.

"I costi di ristrutturazione sostenuti dalla banca nel suo commercio al dettaglio interno evidenziano le sfide che le banche giapponesi devono affrontare per mantenere redditizia la loro attività al dettaglio in un contesto di popolazione in declino e in declino e tassi di interesse interni persistenti" ha detto l'analista di Moody Tetsuya Yamamoto. ha detto in una nota del cliente.

MUFG ha riportato un calo del 12% del reddito netto annuale, colpito da un singolo addebito su un'unità di carte di credito, dopo aver sospeso lo sviluppo di un nuovo sistema a causa dell'aumentata concorrenza da parte di servizi senza denaro.

Mizuho ha anche annunciato un piano aziendale quinquennale che afferma che doveva essere in grado di rispondere rapidamente ai cambiamenti strutturali, tra cui il basso tasso di natalità del Giappone e il crescente uso della tecnologia nel settore.

La società ha dichiarato di voler ottenere un utile netto consolidato di 900 miliardi di yen su 2023.

Fonte: Reuters

Annunci

Lascia un Commento