Le autorità fiscali invadono 19 banche e case tedesche

Undici banche e otto case private e uffici in tutta la Germania sono stati invasi dalla polizia e dai funzionari delle tasse come parte di un'ampia indagine sull'evasione fiscale.

I raid, iniziati nelle prime ore di mercoledì e proseguiti fino al tardo pomeriggio, facevano parte della stessa inchiesta avviata lo scorso novembre sulle accuse di riciclaggio di denaro relative al cosiddetto scandalo Panama Papers, che avrebbe coinvolto Deutsche Bank.

Gli otto individui sotto inchiesta presumibilmente hanno fondato società in paradisi fiscali offshore, aiutati da una ex filiale delle Isole Vergini britanniche di Deutsche Bank.

"Con l'aiuto di una ex filiale di una grande banca tedesca, ognuno di loro crede di aver fondato società nei paradisi fiscali delle Isole Vergini britanniche per nascondere le plusvalenze alle autorità fiscali tedesche e sfuggire alle tasse che le spettano", ha detto Francoforte . i pubblici ministeri hanno detto in una dichiarazione.

Tra le proprietà rilevate vi erano gli uffici di consulenti fiscali e società di gestione patrimoniale a Monaco di Baviera, Amburgo, Bad Tölz, Bonn, Düsseldorf, Francoforte, Aquisgrana, Colonia e Sylt, un'isola al largo delle coste del Mare del Nord.

La Deutsche Bank ha rilasciato una dichiarazione mercoledì sottolineando che le indagini sono dirette ai singoli e non alla banca stessa. I suoi uffici non sono stati perquisiti, ha detto, aggiungendo che la banca offriva assistenza agli investigatori e consegnava volontariamente i documenti richiesti.

L'ultimo grande attacco legato a un caso che ha scosso gli investitori e le autorità di regolamentazione in Germania si è verificato in 29 e 30 a novembre di 2018 e ha coinvolto più di agenti di polizia 170 che hanno perquisito la sede della Deutsche Bank e altri uffici.

Una perdita del quarto trimestre subito dalla banca all'inizio di quest'anno è stata ostacolata dai boss in parte dalla pubblicità negativa che circonda gli attacchi.

Mercoledì la banca ha continuato a negare qualsiasi errore.

La piccola filiale delle Isole Vergini britanniche della banca faceva parte del suo business Global Trust Solutions, che è stato successivamente venduto da Deutsche Bank a NT Butterfield & Son, un istituto di credito con sede a Bermuda.

Deutsche Bank ha dichiarato in una dichiarazione: "Le indagini non sono dirette a Deutsche Bank. Il pubblico ministero sta indagando su individui privati. Deutsche Bank collabora con i promotori e consegna volontariamente tutti i documenti richiesti. Una ricerca negli uffici della banca, quindi, non è avvenuta. "

A 2016, alla mostra Panama Papers, una rete di media internazionali, tra cui il Guardian, ha rivelato flussi finanziari che vanno da una varietà di politici, imprenditori e celebrità al paradiso fiscale centroamericano di Panama, dove sono registrate migliaia di società straniere. Lo scandalo ha messo sotto pressione molte persone e aziende per spiegarsi.

Fonte: The Guardian

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *