Un dipendente mette la bottiglia dell'erbicida Roundup sullo scaffale di un negozio a San Rafael, in California, AFP

La Monsanto è condannata a pagare due miliardi di dollari alla coppia con un cancro

Bayer subisce una sconfitta giudiziaria da un miliardo di dollari. Una giuria condannato Lunedi, 13, la Monsanto ha acquisito nel 2018 dalla società tedesca, da pagare 2,055 miliardi (8,2 miliardi di reais) per una coppia che aveva contratto il cancro utilizzando erbicida Roundup.

Il verdetto della giurisprudenza della California del Nord rileva che il conglomerato agrochimico non ha adeguatamente messo in guardia sui pericoli del suo prodotto, che per la stessa ragione si accresce oltre le cause 13.000. Questa è la terza battaglia legale persa dalla compagnia, e di gran lunga la più costosa.

La condanna arriva in un momento in cui gli azionisti del colosso farmaceutico si sono rifiutati di sostenere la gestione di Bayer nell'ultimo anno, e questo provoca un calo delle scorte.

Alva e Alberta Pilliod, di età 70, sono stati diagnosticati linfoma non Hodgkins a intervalli di quattro anni: uno in 2011 e uno in 2015. La coppia ha utilizzato Roundup, un prodotto fatto con glifosato, per gli anni 35 su un terreno a San Francisco. Entrambi sono attualmente in remissione della malattia. Il risarcimento a carico di Bayer include, oltre a due miliardi di dollari in danni punitivi, un altro 55 milioni di danni compensatori.

È possibile che la cifra diminuisca dopo la funzione. Il gigante chimico-farmaceutico tedesco comunicato la sua delusione per il verdetto e anticipato che la controversia "ci vorrà del tempo per completare", in quanto gli appelli sono pendenti, e che il gruppo "continuerà a valutare e perfezionare le loro strategie legali, come si procede in prossima fase ".

Come nei precedenti episodi, in cui Roundup è stato indicato come un fattore sostanziale per lo sviluppo del cancro, c'è stata una battaglia tra le due parti, che ha coinvolto studi scientifici ed esperti.

Secondo i regolatori europei e statunitensi, non è stato dimostrato che il glifosato possa causare il cancro. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato in 2015 che "probabilmente" la sostanza è cancerogena - e questo è un vantaggio importante per migliaia di persone.

In questo caso particolare, gli avvocati della compagnia, oltre a sostenere documenti scientifici, hanno evidenziato la storia familiare di Pilliods, che ha sofferto anche di cancro e malattie autoimmuni, che, sostengono, aumentava il rischio che la coppia sviluppasse un linfoma non Hodgkins.

Roundup, un prodotto di punta di Monsanto, continua a essere venduto senza un'etichetta che affermi che esiste un rischio cancerogeno per l'uomo.

Il glifosato, sul mercato da 1976, è l'erbicida più utilizzato in agricoltura. Le persone che hanno familiarità con la società tedesca affermano che non ci sono piani per apportare modifiche fino a quando l'azione legale non si sia esaurita in almeno un caso, secondo il Wall Street Journal. I partner della società hanno respinto il mese scorso le misure adottate dal management, compreso l'acquisto di Monsanto. Da allora, le azioni della compagnia tedesca sono diminuite del 40%.]

Fonte: AFP | Il Paese

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *