Il Giappone vuole evitare la penuria d'acqua durante le Olimpiadi di Tokyo

Sono in atto piani per aumentare i livelli di acqua nei bacini che servono Tokyo e le aree adiacenti nel tentativo di soddisfare la domanda durante i Giochi Olimpici e Paraolimpici di Tokyo a 2020.

Con più di 10 previsti per i giochi, il governo centrale e sette prefetture, tra cui Tokyo, verificheranno se l'aumento delle riserve idriche a sette dighe nel Giappone orientale sarà sufficiente a prevenire la carenza di acqua in hotel, ristoranti e strutture senza tagliare le forniture per le industrie locali e residenti.

Gli operatori delle sette dighe sul fiume Tone, sul fiume Sagami e sul fiume Arakawa esamineranno fino a che punto potranno aumentare l'acqua senza rischiare l'allagamento, hanno detto i funzionari.

Tokyo e le zone limitrofe hanno sofferto di una "siccità olimpica" prima delle Olimpiadi di Tokyo 1964, poiché le scarse precipitazioni hanno portato a prolungate restrizioni sull'approvvigionamento idrico.

Le forze di autodifesa del Giappone e le truppe statunitensi con base negli Stati Uniti hanno fornito acqua di emergenza per aiutare a prevenire la crisi. Le restrizioni sull'offerta sono state revocate poco prima delle Olimpiadi, iniziate ad ottobre di 1964.

Sebbene la quantità di acqua nel bacino idrico sia aumentata di quasi sei volte da allora, il paese vuole prepararsi per lo scenario peggiore.

Secondo il Ministero del territorio, delle infrastrutture, dei trasporti e del turismo, la quantità di acqua utilizzabile a Tokyo può essere aumentata di 1,2 volte se tutte le misure sono adottate.

Se c'è carenza, indipendentemente dalle misure adottate, i municipi possono richiedere acqua dalle dighe idroelettriche gestite dalla Tokyo Electric Power Holdings Inc., hanno detto le autorità.

"Prenderemo tutti i provvedimenti possibili per garantire il successo delle Olimpiadi senza compromettere la vita quotidiana dei residenti locali", ha affermato un funzionario del ministero delle infrastrutture.

Fonte: Kyodo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *