Oltre a rimuovere il Consiglio per il controllo delle attività finanziarie (Coaf) dal Ministero della Giustizia, la commissione che ha esaminato la riforma amministrativa al Congresso ha incluso una serie di cambiamenti negli organismi governativi che non erano stati pianificati - i cosiddetti "jabutis".
Tra questi c'è il trasferimento di tutte le politiche di sviluppo dell'industria, del commercio e dei servizi dal Ministero dell'Economia al Ministero della Scienza e della Tecnologia, che è guidato dal Ministro Marcos Pontes. L'inclusione dell'articolo è stata anticipata dal blog della colonna Direct from the Source.

Il relatore del deputato, il senatore Fernando Bezerra (MDB-PE), ha affermato che il cambiamento è stato un "errore materiale" e che solo l'agenzia brasiliana per lo sviluppo industriale (ABDI), oggi sotto l'egida del ministro Paulo Guedes, è passerebbe alla cartella comandata da Ponti. Ha detto che il testo sarà cambiato quando sarà discusso nella plenaria della Camera.

L'autore della richiesta per il cambiamento in ABDI era il vice Hugo Motta (DEM-PB). Il membro del Congresso si è detto sorpreso dalla formulazione del testo e ha chiesto l'emendamento. "La politica industriale, nella nostra valutazione, dovrebbe continuare nell'economia. L'ABDI è più strettamente connesso ai progetti di tecnologia dell'informazione ", ha affermato. Per il parlamentare, il "superminismo" dell'Economia aveva molte attribuzioni e faceva sì che l'agenzia non funzionasse nel miglior modo possibile.

La commissione di deputati e senatori ha anche approvato il trasferimento della demarcazione delle terre indigene alla Fondazione Nazionale dell'India (Funai), un organo che tornerà al Ministero della Giustizia, una cartella guidata da Sérgio Moro. Il relatore, tuttavia, aveva proposto di proseguire la delimitazione con l'Istituto nazionale per la colonizzazione e la riforma agraria (INCRA), che è allegato al ministero dell'Agricoltura, che è stato respinto dall'organo collegiale.

Il Fronte parlamentare dell'agricoltura - che porta i parlamentari di 270 - ma ha avvertito che cercherà di invertire il cambiamento nella plenaria del Parlamento.

Un altro "jabuti" che è entrato nel rapporto approvato dalla commissione limita le prestazioni dell'IRS nelle indagini. Secondo il testo, la competenza dei Revisori del Tesoro sarà limitata alle indagini sui reati fiscali o relative al controllo doganale. Questo orientamento era già stato diffuso dal comando del corpo, come rivelato dallo Stato.

Il parere, tuttavia, è andato oltre e ha previsto che, a parte i reati fiscali o doganali, le Entrate avranno bisogno di un'ingiunzione del tribunale per condividere le informazioni di accusa con agenzie o autorità.

La restrizione ha infastidito i revisori dei conti fiscali (ulteriori informazioni su questa pagina) e ha generato reazioni nel PSL, partito del presidente Jair Bolsonaro. Per il leader della Leggenda del Senato, il maggiore Olimpio (SP), "è un 'jabuti' che è entrato in modo tale da far crollare tutto il lavoro svolto per la strutturazione del Paese".

Il leader del governo al Senato, Bezerra ha sostenuto che i membri delle Entrate possono commettere "abuso di autorità" se non vi è alcuna limitazione. "Non vogliamo impedire alcun tipo di indagine. Apprezziamo la trasparenza, la lotta alla corruzione, il riciclaggio di denaro, la criminalità organizzata ", ha affermato.

Un altro punto alterato è stata l'attribuzione del Segretario di Governo, una delle cartelle protette nel Palazzo di Planalto, per monitorare il lavoro delle ONG.

Il provvedimento aveva suscitato critiche da parte di organizzazioni che vedevano il rischio di interferenze e minacciavano l'autonomia delle istituzioni. Nella nuova versione, la cartella sarà responsabile per l'accompagnamento delle partnership governative con le ONG.

Fonte: Estadão

Annunci

Leandro Ferreira | Connessione Giappone ®

Webmaster, programmatore, sviluppatore ed editore di articoli.

Lascia un commento:

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.