Il Giappone controlla l'Iran dopo la sospensione dell'accordo nucleare

FOTO FILE: le petroliere attraversano lo stretto di Hormuz, dicembre 21, 2018. REUTERS / Hamad I Mohammed / Foto del file

Il Giappone segue la situazione da vicino dopo che l'Iran ha sospeso alcuni compromessi nell'ambito di un accordo internazionale sul nucleare e utilizzerà i rapporti amichevoli di Tokyo con Teheran per assicurare pace e stabilità in Medio Oriente, ha detto oggi un portavoce del governo, il lunedì

"Speriamo di utilizzare le nostre relazioni tradizionalmente amichevoli con l'Iran per risolvere i problemi attraverso il dialogo e raggiungere la pace e la stabilità nella regione", ha detto il segretario generale del Gabinetto Yoshihide Suga, aggiungendo che l'Iran svolge un ruolo costruttivo ".

"La decisione del governo iraniano non è di ritirarsi dall'accordo nucleare e prendiamo atto di questo punto", ha detto il portavoce del governo in una conferenza stampa. "Continueremo a monitorare attentamente la situazione."

Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha detto il Mercoledì che Teheran prevede di mantenere l'uranio più arricchito di quanto consentito dalle 2015 accordo nucleare con le potenze mondiali, minacciando di avviare un arricchimento dell'uranio più alto se non ci sono progressi nei negoziati con le altre parti all'interno di giorni 60.

Rouhani ha aggiunto, tuttavia, che l'Iran non intende abbandonare l'accordo sul nucleare, un anno dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha deciso di portare gli Stati Uniti fuori dal paese.

In base all'accordo raggiunto tra l'Iran e sei potenze - Gran Bretagna, Cina, Francia, Germania, Russia e Stati Uniti - la repubblica islamica acconsentì a limitare le sue attività nucleari in cambio della revoca delle sanzioni economiche.

Il Giappone, un non membro, ha sostenuto l'accordo per rafforzare il regime di non proliferazione nucleare. Ma il recente inasprimento della posizione degli Stati Uniti ha messo il Giappone, il suo alleato per la sicurezza, in una posizione difficile in quanto Tokyo cerca di mantenere buoni rapporti con Teheran.

Gli Stati Uniti hanno ripristinato le sanzioni sospese con l'accordo nucleare e hanno posto fine alle esenzioni concesse agli acquirenti di petrolio iraniani, incluso il Giappone, per tagliare le entrate petrolifere di Teheran la scorsa settimana.

Fonte: Kyodo

Annunci

Leandro Ferreira | Connessione Giappone ®

Webmaster, programmatore, sviluppatore ed editore di articoli.

Lascia un commento:

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i tuoi dati di feedback.