I democratici votano per mantenere gli Stati Uniti sull'accordo sul clima di Parigi

Casa dei Democratici, in una dimostrazione di unità sui cambiamenti climatici, hanno votato in modo schiacciante il Giovedi un disegno di legge che dirige il presidente Donald Trump per aiutare gli Stati Uniti raggiungere gli obiettivi del contratto di clima a Parigi.

"Questa è la prima volta negli anni di 10 che la legislazione climatica più importante viene ascoltata alla Camera", ha detto il rappresentante Kathy Castor, un democratico della Florida. "Questo è un voto patriottico". Castor è presidente del Climate Crisis Committee e principale sponsor del progetto.

Il disegno di legge, chiamato Climate Action Act Now, non dovrebbe passare attraverso il Senato controllato dai repubblicani e non riceverebbe la firma di Trump, anche se fosse così.

Tuttavia, i democratici stanno rivendicando la vittoria con il passaggio del disegno di legge alla Camera, offrendo un simbolico rimprovero alla promessa di giugno Trump di 2017 di ritirare gli Stati Uniti dall'accordo globale. Il voto è passato da 231 a 190, con tre repubblicani che si sono uniti ai democratici per sostenere il disegno di legge.

"Oggi inviamo un messaggio al Presidente, il popolo americano e il mondo che noi riconosciamo la gravità della crisi climatica e noi intendiamo fare la nostra parte per affrontare il problema", ha detto il rappresentante Frank Pallone Jr., democratico del New Jersey e presidente del Comitato Energia e commercio, ha detto in una nota.

Questo disegno di legge segue la risoluzione Green New Deal proposto nel febbraio dalla Rep Alessandria Ocasio-Cortez, un democratico di New York, e molte audizioni del Congresso sugli impatti, le politiche e le soluzioni per il clima da allora.

Diversi sondaggi negli ultimi mesi, incluso uno pubblicato dalla CNN questa settimana, suggeriscono che il cambiamento climatico è una priorità assoluta per gli elettori democratici. E i candidati presidenziali democratici sembrava aver notato: il governatore di Washington Jay Inslee annunciato la sua candidatura come candidato al clima, e l'ex membro del Congresso dal Texas Beto O'Rourke ha lanciato la sua prima piattaforma politico importante sul tema di questa settimana. I gruppi ambientalisti, d'altro canto, hanno incoraggiato questa tendenza contribuendo a raccogliere fondi per i candidati al clima presidenziale.

Il progetto, che ha più di 200 co-sponsor, avrebbe ordinato che Trump creare un piano per rispettare l'impegno originale era di Obama con l'accordo di Parigi, che ridurrebbe le emissioni del paese di almeno 26% a 2025 rispetto al 2005. livelli. Inoltre bloccherebbe la spesa dei fondi per ritirare gli Stati Uniti dall'accordo.

Sebbene gli Stati Uniti, guidati da Trump, abbiano annunciato l'intenzione di abbandonare l'accordo, il più presto possibile a novembre di 2020, il giorno dopo le prossime elezioni presidenziali. Nel frattempo, i funzionari degli Stati Uniti hanno continuato a partecipare a negoziati globali con capacità ridotta.

Fonte: Washington Post

Leandro | Eur-lex.europa.eu eur-lex.europa.eu

Webmaster, programmatore, sviluppatore ed editore di articoli.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *